L’uomo che guardava passare i treni, Simenon

Quarta di copertina: Kees Popinga, il protagonista di questo romanzo del 1938 che può essere considerato la punta più alta mai raggiunta da Georges Simenon nella sua sterminata produzione narrativa, è un onest'uomo olandese, agiato, con moglie e figli e vita tranquilla. Ma improvvisamente la bancarotta fraudolenta del suo datore di lavoro lo mette di … Leggi tutto L’uomo che guardava passare i treni, Simenon

La notte del Professor Andersen, Dag Solstad, Iperborea

Solo nel suo appartamento, il professor Andersen, cinquantacinquenne divorziato, docente di letteratura all’università di Oslo, sta festeggiando con solennità il Natale: l’albero decorato, l’abito elegante, la cena tradizionale. Mentre medita sul senso di appartenenza che gli dà abbandonarsi con «semplicità infantile» a quel rito collettivo, vede da una finestra della casa di fronte un uomo … Leggi tutto La notte del Professor Andersen, Dag Solstad, Iperborea

Il giorno dei morti – Cees Nooteboom

L'emporio circolare

Arthur Daane è un noto cineasta olandese trapiantato a Berlino, la cui esistenza è segnata dalla morte del figlio e della moglie in un incidente aereo, che trascorre la sua vita dividendosi tra passeggiate per la città e lavori documentaristici in giro per il mondo portati avanti insieme al progetto della realizzazione di un’opera personale (“Stava facendo un film che non gli chiedeva nessuno così come nessuno, a quanto ne sapeva, chiedeva una poesia. Quel film, di questo era certo, doveva esprimere qualcosa sul mondo come lui, Arthur Daane, lo vedeva. Ma lui doveva scomparirvi dentro.“) legata alla visione del mondo attraverso la quotidianità. Arthur Daane è un uomo

View original post 741 altre parole

“La fame” di Martìn Caparròs, in uscita domani, 15.05.15, per Einaudi

Eppure non dico nulla che non sappiamo già. Tutti sappiamo che c'è la fame nel mondo. Tutti sappiamo che ci sono ottocento, novecento milioni di persone - e le cifre oscillano - che ogni giorno patiscono la fame. Tutti abbiamo letto o udito queste stime, e non sappiamo o non vogliamo agire di conseguenza. Se … Leggi tutto “La fame” di Martìn Caparròs, in uscita domani, 15.05.15, per Einaudi

La festa dell’insignificanza – Milan Kundera

“E, in effetti, è Kundera stesso a trattarli come marionette: li sfotte, ma allo stesso tempo li comprende e affida loro alcune sue riflessioni sull’epoca in cui viviamo.”

naiadi

Da tempo abbiamo capito che non era più possibile rivoluzionare questo mondo… Non c’era che un solo modo possibile per resistere: non prenderlo sul serio.

Un “divertissement surrealista”, una “parabola felliniana” in cui si alternano personaggi alle prese con elucubrazioni stravaganti: ecco in poche parole cos’è La festa dell’insignificanza, l’ultimo libro scritto da Milan Kundera e costruito come un palcoscenico (quello della vita, anche la nostra) su cui si muovono, come marionette, personaggi dai contorni astratti, vanesi, peripatetici, tutti presi dalle proprie personali tragedie quotidiane. E, in effetti, è Kundera stesso a trattarli come marionette: li sfotte, ma allo stesso tempo li comprende e affida loro alcune sue riflessioni sull’epoca in cui viviamo.

Come descrivere la peculiarità dell’orientamento erotico di un uomo (o un’epoca) che vede il centro della seduzione femminile nell’ombelico? In questo, come in altri libri, la nudità diventa per Kundera chiave di volta per comprendere l’umanità.

View original post 478 altre parole